Il Palio degli Asinelli ad Ollolai

Palio degli asinelliSabato 13 Luglio ad Ollolai, la simpatica e divertente manifestazione che giunge alla sua 12° edizione.
Inizierà alle 13 con il “pranzo nelle contrade” - Sos Vihinados - Proseguirà alle 21,00, in Piazza Marconi, con il "Palio Asinelli", gara alla quale tutti i cavalieri di Ollolai che abbiano con un po’ di coraggio e di destrezza, si potranno iscrivere fino alle 20,00 . - leggi tutto -

Nicola Cancedda, con il suo “Inno del Palio, darà l’avvio alla manifestazione, accompagnando il “Corteo Medievale della Sardegna” e il carro de “Su Palu” - Alle 22,30 ancora Nicola Cancedda si esibirà prima della finale e nell’attesa Premiazione dei vincitori, che prevede premi in denaro di 3.000,00€ per il primo classificato, 600,00€ per il secondo e 400.00€ per il terzo classificato.
Insomma una giornata divertente, con sbandieratori e musici, che allieterà questo piccolo paese di circa 1500 abitanti che sorge nel centro della Sardegna, nella Barbagia, a 960 mt al livello del mare sulle pendici del Gennargentu. 

Ricco di storia e di tradizioni ben conservate, in cui si parla una variante del Sardo-Logudoese, il suo territorio è noto per le sue sorgenti, come quella conosciuta come “Sa Untana Manna” nel centro abitato e quella “De Su Saponadoriu” (il lavatoio) detta anche “Sa Untanedda” perché di minor portata rispetto alla prima.
Molto suggestivi gli itinerari che si possono percorrere nel territorio che circonda il paese: percorrendo le strade impervie immerse nei boschi di lecci e roverelle, tassi ultracentenari e agrifogli, tra i profumi di timi, eriche, cisti ed elicrisi, si può visitare la chiesetta bizantina di San Basilio Magno e le rovine dell’antico Convento. Con un po’ di buona volontà e fiero, seguendo il sentiero, si arriva a “Sa Punta Manna” nota anche coma La Finestra sulla Sardegna dove è possibile godere di una visuale unica che toglie veramente il respiro, dai suoi 1126 metri d’altezza lo sguardo può spaziare verso l’orizzonte ed arrivare a vedere il mar Tirreno e il mar di Sardegna con uno scenario veramente indimenticabile: Tutta la Valle del Tirso, i piani e i monti del Marghine, il Montiferru e il Campidano di Oristano si aprono alla vista da questi balconi naturali sul tetto del monte Gennargentu.
Lungo strada è inoltre possibile visitare interessanti sepolture e resti di villaggi nuragici che, circondati da una vegetazione fitta e fiorente di corbezzoli, ginepri e rosmarini, rappresentano i resti archeologici di un’epoca che va dal paleolitico a tardo medioevo.
Insomma il Palio degli Asinelli di Ollolai può essere veramente un’occasione da non perdere per visitare una zona del cuore vero della Sardegna ricco di fascino, tradizione e bellezze naturali.